MEZZA RED, POCO GHIACCIO!

L’incubo di tutti (o quasi) i Bartender, quella richiesta che ti lascia sempre un po’ di amaro in bocca, i tentativi di dissuadere il cliente proponendogli qualcosa di diverso. Chi non c’è passato? È solo un brutto cocktail? Un inutile spreco di lattine di Redbull?

Non ci sono notizie certe sulla nascita e “l’inventore” di questa usanza, si fa risalire la sua origine a cavallo tra gli anni ’90 e 2000, in Austria, e la sua fama è aumentata di pari passo con la crescente diffusione degli energy drink. Ogni nazione lo chiama in modo diverso: Byk (Toro), in Russia; Gummibarli in Austria e alcune zone della Svizzera; Vod Bomb nei paesi Anglofoni. In Italia Vodka Redbull, con le sue varianti fruttate, fino a diventare mezza red, affettuosamente chiamata dai veterani della notte. Ma oltre all’odio incondizionato da parte dei lavoratori del settore, questa roboante miscela ha delle non poco gravi controindicazioni. Molti studi scientifici hanno dimostrato che l’assunzione di Alcol ed energy drink combinati tra loro possono portare effetti collaterali fisici e psicologici, più che se si bevesse alcol da solo. Ciò include palpitazioni cardiache, problemi di sonno, senso di tensione o agitazione. Questo è il risultato dell’elevato volume di caffeina nelle bevande energetiche. Inoltre, uno studio dell’Università di Medicina di Messina ha dimostrato come l’assunzione di questo mix può ridurre i sintomi dell’intossicazione da alcol, inclusi gli effetti depressivi. Di conseguenza, i consumatori potrebbero non sentire i segni di un’eccessiva assunzione di alcol, aumentando così la probabilità di incidenti e/o favorendo la possibilità di sviluppo della dipendenza da quest’ultimo. Invece, uno studio del Dr. Richard van Rijn ed il suo team della Purdue University, analizzando i risultati di un esperimento svolto su topi da laboratorio, ha notato che le reazioni nei cervelli di alcuni esemplari a cui aveva somministrato bevande con alti contenuti di alcol e bevande energetiche erano quasi identiche ad altri a cui era stata somministrata cocaina. Questo è dovuto anche alle alte percentuali di zucchero (27,5 g per una lattina di 250 ml) e caffeina (80 g per la stessa lattina) presenti in una lattina di energy drink, che rappresentano un terzo del fabbisogno giornaliero di un maschio adulto, metà se si tratta di una donna, da sommare poi alla quantità di alcol che si va ad aggiungere. Quindi, a conti fatti, conviene davvero farsi del male bevendo questo mix di alcol, caffeina e zuccheri dal sapore estremamente stucchevole? Se non sapete cosa prendere, fatevi consigliare dal Bartender! E se avete bisogno di così tanta dolcezza, tranquilli, vi sa anche coccolare…

Autore: Salvatore Tizzano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: